Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/11707/7015
Title: Slang Terms in Italian Sign Language (LIS): a Sociolinguistic perspective
Authors: Fedeli, Laura
Keywords: Italian Sign Language
Issue Date: Mar-2016
Publisher: Università Ca' Foscari Venezia
Abstract: L'elaborato si pone come obiettivo quello di indagare un aspetto non ancora affrontato nel campo della ricerca linguistica in Lingua dei Segni Italiana (LIS), così come nelle lingue dei segni in generale, ovvero la possibilità tra i giovani segnanti sordi di sviluppare termini Slang con caratteristiche paragonabili a quelle dei termini usati dai giovani udenti, ma anche con alcune peculiarità specifiche del mondo dei Sordi. Il mio lavoro analizza in particolare alcune produzioni di ragazzi sordi frequentanti l'Istituto per Sordi A. Magarotto di Padova, che da sempre rappresenta luogo di scambio e di contatto tra gli studenti sordi, i quali contribuiscono a un notevole arricchimento linguistico che va a unirsi alle numerose varianti della LIS a livello nazionale. L'analisi dei segni Slang sarà preceduta da un primo ampio capitolo che mira a dimostrare lo status linguistico delle lingue dei segni, e in particolare di quello della LIS (ancora privo di un riconoscimento ufficiale a livello giuridico), sottolineando come queste lingue presentino un sistema fonologico, morfologico e sintattico, al pari di quello delle lingue vocali. La tesi affronta inoltre alcuni aspetti della Sociolinguistica, applicati al mondo della popolazione Sorda, che aiuteranno il lettore a capire alcuni aspetti fondamentali della cultura Sorda, introducendolo all’analisi dei segni slang emersi dai ragazzi sordi intervistati.
URI: http://hdl.handle.net/11707/7015
Appears in Collections:Sign Languages and Culture of Deaf People. Ca' Foscari University Dissertations

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
826609-1204227.pdf1.91 MBAdobe PDFView/Open


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.