Please use this identifier to cite or link to this item: http://hdl.handle.net/11707/3332
Title: A Free Mind within a Disciplined Form : l'impegno del disimpegno di Tom Stoppard
Authors: Dowling, Gregory
Issue Date: 2009
Publisher: Padova, Studio Editoriale Gordini
Abstract: Il saggio considera la questione dell'impegno politico del teatro di Tom Stoppard. All'inizio il commediografo fu generalmente considerato dalla critica come un autore completamente apolitico, interessato più allo stile che alle implicazioni sociali o politiche delle sue trame. Nelle prime commedie il tema è spesso la ricerca dell'ordine in un mondo apparentemente governato dal caso. Gradualmente, però, da 'Travesties' in poi, l'attenzione viene sempre più rivolta al ruolo dell'artista in un mondo caotico - e quindi anche alla legittimità della scelta di un disimpegno Wildeano. Questo dibattito diventa cruciale nei drammi degli anni Settanta che trattano la questione dei diritti umani nell'Europa orientale ed è anche uno degli elementi centrali nelle commedie "realistiche" come 'Night and Day' e 'The Real Thing'. Nel teatro più recente, da 'Arcadia' in poi, i famosi dibattiti Stoppardiani sono diventati sempre più complessi, coinvolgendo temi e questioni che abbracciano vari ambiti del sapere umano, come la letteratura, la scienza post-Einsteiniana, la filosofia e la politica. Il saggio si conclude con alcune riflessioni sull'ultima commedia di Stoppard, 'Rock 'n' Roll', che tratta di nuovo l'argomento del rapporto tra l'arte e la politica, e sembra rivalutare la figura dell'artista disimpegnato, essendo l'indifferenza la reazione più invisa al potere totalitario.
URI: http://hdl.handle.net/11707/3332
Appears in Collections:Annali di Ca' Foscari. Serie occidentale

Files in This Item:
File Description SizeFormat 
Dowling_pp61-77.pdf821.57 kBAdobe PDFView/Open


Items in DSpace are protected by copyright, with all rights reserved, unless otherwise indicated.